Le Monarchie europee tra cerimoniali pubblici e rituali privati.

Anno I Numero 1-2

Abstract
Nei due numeri si prende in esame la modificazione dei rituali delle corti rette dai Borbone di Spagna e di Napoli per renderli più aderenti ai nuovi assetti di potere. L’etichetta diventa al tempo stesso uno strumento di controllo e di rappresentazione “effimera” utilizzata per consolidare il ruolo politico assunto dalla monarchia. Si analizzano le implicazioni del passaggio dal modello di corte situata nella capitale a quello della corte itinerante (decentrata). La corte è sempre una, ma si sposta durante l’anno del re in alcune regge secondarie, distanti dalle capitali. Un’organizzazione, quella della caccia e degli allevamenti dei cavalli di razza, completamente statale nel Regno di Napoli; essa invece comprende alcuni grandi allevamenti privati di aristocratici in Spagna. In tal senso, l’esaltazione di temi mutuati dalla cultura equestre contribuisce a rafforzare i caratteri di due case regnanti e delle relative aristocrazie. I valori della cavalleria, “il sogno di una vita più bella”, permangono per lungo tempo nella cultura aristocratica e poi nell’Ottocento negli istituti di associazionismo aristocratico.

DirettoreGiuseppe Cirillo
Co-Direttori
Comitato scientificoAntonio Álvarez-Ossorio Alvariño, Cristina Bravo Lozano, Giuseppe Caridi, Cinzia
Cremonini, Fulvia D’Aloisio, David D’Andrea, Antonino De Francesco, Eugenio Di
Rienzo, Pedro García Martín, Antonio Lerra, Manfredi Merluzzi, María Luz
González Mezquita, Aurelio Musi, Maria Anna Noto, Elisa Novi Chavarria, Roberto
Quirós Rosado, Elena Riva, Lina Scalisi, Matthias Schnettger, Pierre Serna, Giulio
Sodano, Angelantonio Spagnoletti, Mario Tosti, Stefano Vitali, Paola Viviani.
Coordinamento di redazioneMarina Cavallera, Maria Anna Noto, Paola Viviani
Comitato di redazioneLuigi Alonzi, Teresa Armanno, Catia Brilli, Francesco Campennì, Paolo Conte,
Silvana D’Alessio, Elvira Diana, Angelo Di Falco, Amalia Franciosi, Emilio Gin,
Alessandra Mita, Carla Pedicino, Astrid Pellicano, Claudia Pingaro, Alice B. Raviola,
Carmen Saggiomo, Juan Sánchez García de la Cruz, Miriam Sette, Alfonso Tortora,
Marco Trotta, Katia Visconti
Segreteria amministrativaAntonio Puca
ISSN2784-868X
Codice eticoCodice Etico
Norme peer reviewCiascun articolo o saggio è sottoposto alla revisione di due referee. Gli Autori non sanno chi sono i referee e viceversa (peer-review in doppio cieco)

Back to Top